Post recenti

Post simil-populista per cinici e pigri

Stavo per scrivere un pezzo incazzato e rantolante sullo stato del Mondo, dell’Europa e dell’Italia. Avrei parlato di corruzione, di mafiosi, e di un leader vero, qualcuno a metà tra Mussolini e Gandhi. Avrei parlato di autarchia, di ecologia, di…
Continua a leggere

“The Village” è un capolavoro

L’altro giorno mi sono riguardato per l’ennesima volta The Village di M. Night Shyamalan. Ora, questo regista ha prodotto vere opere d’arte (Il Sesto Senso), ma anche cagate pazzesche (E venne il giorno). Bisogna ammettere però che ognuno dei suoi…
Continua a leggere

Il momento di andare avanti

Ubriaco. Sono ubriaco di nuovo. Salgo sul tram e passo tra i sedili, barcollando e tentando di non cadere. C’è della musica potente e fastidiosa e non capisco da dove arriva. Poi mi tocco il culo e mi rendo conto…
Continua a leggere

Infezione – II parte

La prima parte della storia Era uscita dall’appartamento che le sembrava di essere quasi sobria. Ricordava di aver visto un distributore automatico di sigarette a poca distanza da noi, abbastanza vicino da poter evitare di prendere la macchina. Si era…
Continua a leggere

Infezione – I parte

un omaggio a S.K. Mi sveglio perché bussano alla porta. Tengo gli occhi chiusi e tento di riaddormentarmi. Non sono a casa mia e quindi non sono affari miei. Qualcun altro aprirà. Continuano a bussare, con più insistenza adesso, e…
Continua a leggere

Sullo scrivere storie

Perché scrivere storie? Perché decidere di investire le proprie energie nel rimanere seduti ad una scrivania a cercare di tirare fuori dalla propria testa racconti su persone e cose mai esistiti? Perché passare il proprio (poco) tempo libero a fissare…
Continua a leggere

Perché anche tu dovresti leggere il Libro dei Caduti di Malazan (Sì, proprio tu)

Premessa: nessuno mi paga per scrivere questo articolo. Né la casa editrice, né tantomeno l’autore. Sono un blogger e uno scrittore sconosciuto, la cosa non avrebbe senso per nessuno. Scrivo quello che scrivo solo perché lo penso, e perché voglio…
Continua a leggere

Topolino – In the Dark VI

La macchina che uscì dal capannone era nera e aveva i fari spenti. Nessuno la vide, e anche se qualcuno l’avesse vista, non avrebbe notato niente di strano. Il sistema di mimetizzazione del mezzo era il migliore esistente al mondo…
Continua a leggere

Topolino – In the Dark V

Timothy gli aveva detto che forse Paperinik avrebbe potuto aiutarlo, ma non aveva saputo dirgli come mettersi in contatto con lui. Come fai a chiedere di parlare con un supereroe? Punti al cielo un segnale luminoso? Ti metti ad urlare…
Continua a leggere

Ultimo dell’anno alla SPECTRE

Estrae la pistola e si affaccia dalla finestra della sua camera. Nessuno in vista. Questo non significa che non ci sia nessuno che lo sta controllando, ma il pensiero non lo ferma. Anche se gli stanno tendendo una trappola sa…
Continua a leggere