10 pensieri dopo la visione di Suicide Squad

suicide2L’altro giorno sono andato a vedere Suicide Squad al cinema, e non mi sono risparmiato, per due motivi.

Primo, era un anno che stavo aspettando questo film. Un anno. Ed ero sicuro che questa pellicola avrebbe spaccato culi.

Secondo, se posso tento di vedere tutto in lingua originale. E per fortuna che non ho una passione per il cinema indiano o arabo, sennò sarei fregato.

Tutto questo per dire che sono andato in cerca di un cinema in cui Suicide Squad fosse proiettato in versione originale. Ho trovato un solo cinema, a più di trenta chilometri da casa mia, con un solo spettacolo e ad un solo orario. Ma va bene, per il Joker e i suoi amici si può fare.

Tanto ero sicuro che ne valesse la pena.

Poi l’ho visto e ho capito il perché di solo 27 voti positivi su 100 su Rottentomatoes. Appena arrivato a casa ho quindi buttato giù dieci consigli amichevoli che spero i vertici della DC Comics leggano prima di fare il prossimo film. Tutto questo dall’alto della mia vasta competenza e della mia ancor più vasta notorietà e bravura e blablabla.

Forse ci sono un paio di spoiler, ma sono robetta e comunque niente che non possiate immaginare se avete visto anche solo altri due film in tutta la vostra vita.

1 – Basta con queste presentazioni dei personaggi didascaliche, in cui li vedi uno per uno, ti descrivono un po’ di storia, e hai anche a fianco la scheda con il nome, i poteri e le debolezze. Mica sto giocando a Pokemon o Magic.

2 – Se invece proprio DEVI fare ‘sta presentazione, e se stai presentando una squadra che sarà composta di dieci persone (numero a caso), non puoi mostrarne solo nove. Si capisce che il decimo tipo morirà subito. Dai, cazzo.

3 – Non inserire personaggi solo perché fa figo. Sì, mi sto riferendo a te, Joker. Sei figo, ma qual’è la tua utilità in questa storia? E sì, mi sto riferendo a te, Enchantress. Sei figa e sei anche la cattiva, ma con tutti possibili antagonisti di questo mondo, non c’era mica qualcuno di meglio per un film del genere? Che cazzo c’entra una strega cattiva con una squadra composta da un cecchino, un ladro, una pazza e così via?

4 – Non inserire Harley Quinn solo perché è una gnocca.

1470381596_suicide-squad-trailer-1

Sicuro?

Cioè, sì, OK, inseriscila pure e falle anche mettere quei bei short attillati che male non fanno. Però sfruttala un po’ di più, approfondiscila un po’ di più, rendila un po’ più reale, e non usarla solo per intermezzi comici. Lei e Deadshot sono i personaggi meglio caratterizzati di tutto il film, ma un impegno anche solo un pelino maggiore avrebbe fatto la differenza.

5 – E visto che stiamo parlando di caratterizzazione: cazzo, impegnati! Non prendere tutti gli stereotipi possibili e usarli per creare gente che non ispira nemmeno un po’ di empatia, gente che sembra uscita da un film di serie B. Un esempio? Rick Flag, il capo missione. Classico militare super professionista che si innamora della dottoressa che poi diventa cattiva e lui deve salvare il mondo, ma vuole salvare anche lei e blablabla, che noia. Dai un po’ di tempo al film di costruirsi, caratterizza ‘sti personaggi, fai in modo che il pubblico ci si affezioni, non prendere e buttare ‘sti quattro sfigati in mezzo all’azione senza che la gente abbia avuto neanche il tempo di impararne il nome.

6 – Mentre scrivi il tuo film non pensare solo a quanti razzi puoi sparare in una certa scena o a quante volte puoi mostrare il culo di Harley Quinn. Non sono quelle le cose principali. La cosa principale è la storia, cazzo! E i personaggi, te li ricordi? Sì, quelli con cui il tuo pubblico si deve immedesimare. Non sono mai riuscito ad immedesimarmi con un Kalashnikov o un missile terra-aria, non so te.

7 – Un film non è solo una sequenza di scene d’azione o di belle immagini. E se Zack Snyder prova a convincerti di ciò, digli che venga a parlare con me. Un film è prima di tutto una bella storia, e dopo è una storia con belle immagini. Batman VS Superman ne è proprio un grande esempio. Tante belle immagini per niente. Sì, il Joker c’entra ancora: per esempio, che cazzo ci fa sulla moquette di un appartamento con bombe a mano, pistole e coltelli in bell’ordine attorno a lui a formare un cerchio? Cioè, mi immagino lui e i suoi scagnozzi che si mettono in ginocchio e mettono una granata qua, e poi le pistole là, e ora tocca alle lame, e guarda che bello, sono Giotto, e ora mi distendo qui e dico due cagate e poi rido e sto là in mezzo perché fa figo. Caro David Ayer e caro Zack Snyder, vi mando Christopher Nolan a bacchettarvi sulle dita se continuate a fare così. E adesso a casa a riguardarvi tutti i Batman con Christian Bale e il resto della filmografia di Nolan. Due volte.

8 – Anzi, di base, non lasciare proprio la produzione del tuo film in mano a Zack Snyder. Eliminiamolo dall’equazione DC Comics e Warner Brothers, per piacere. Quest’uomo ha fatto tre bei film, e tutti e tre erano farina del sacco di qualcun altro. 300 è tratto da un fumetto di Frank Miller. Watchmen da un fumetto di Alan Moore. L’alba dei morti viventi è il remake di un film di George Romero. Sì, OK, ha fatto anche Man of Steel che era carino, ma lo era perché c’era un certo Nolan tra i produttori, e il cui nome ha fatto da traino anche al botteghino. Il resto dei suoi lavori? Dimenticabili. Non per niente ho dovuto guardare Wikipedia per ricordarmi che porcherie ha fatto dopo il 2009.

9 – Basta con la gente che non si capisce bene perché fa quello che fa. Esempio: Harley Quinn dopo aver provato a scappare con il Joker si ritrova con un elicottero abbattuto e un fidanzato probabilmente morto. Invece di andare a vedere se effettivamente ‘sto povero ragazzo è magari sopravvissuto, se ha bisogno di aiuto o altro, lei ritorna dalla Suicide Squad. Ma perché mai? Il chip-bomba nel suo collo è disattivato, e lei non ha nessun motivo per tornare indietro. L’unica cosa a cui posso pensare è che magari vada in cerca di morire anche lei e raggiungere il suo amato Joker, ma se proprio voleva le bastava buttarsi giù da un palazzo. Lei è una cattiva, o sbaglio? Che le frega di tornare a fare del bene? Boh.

10 – Ce ne sarebbero altre da dire, ma di base solo una cosa: leggetevi qualche buon libro, guardatevi qualche buon film, e prendete esempio. E, lo ripeto per sicurezza, tenete Zack Snyder fuori dalle balle.

Si è capito quanto sono rimasto deluso da Suicide Squad?

***

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo e clicca su mi piace, oppure fammi sapere che ne pensi nei commenti qui sotto.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *